Una cosa da fare almeno una volta nella vita

imageBallare fino alle sei del mattino? Forse. Sparire per un paio di giorni? Anche. Stare soli in un bosco? Molto opportuno.
C’è ancora un’alternativa per fare della propria realtà un godimento unico: mettersi a scrivere un libro.

Santo Cielo! Questa è davvero una opportunità grandiosa. In grado di spalancarvi le porte dello spirito giocoso che permea le cose. Appena svegli, i gatti saltano e salutano il giorno pieni di vita. Merli, piccioni e gabbiani stridono in cielo. Il carrubo, pini e oleandri vibrano di energia.

Un mio amico, si alza alle cinque e si mette a scrivere. Poi passerà il resto della giornata dietro la scrivania, ma per due orette si sarà occupato di sé.

Tip, ovvero consigli magici

Non c’è niente di peggio che condurre un’esistenza monotona. Come fare per evitarlo? C’è solo una via di fuga possibile: potenziare le proprie abilità.

Non invidio chi passa dalla palestra, al parrucchiere, ai grandi magazzini… Si tratta di riempitivi che lasciano un gran vuoto nell’animo. E le chiacchiere da bar certo non consolano: vuoto su vuoto.

Vi ricordate del film di Sorrentino La grande bellezza? Un sacco di gente si ubriaca di nulla, conduce vite sfatte. Bisognerebbe dirsi: “Ma io, la vita, la voglio vivere, non subire”.

Scrivere è un talismano potente. Senz’altro aiuta a uscire dal nucleo ristretto del proprio sé. Per osservare, per sentire, per sondare i misteri.

Se decidete di mettervi a scrivere, gli effetti sono immediati. Sarete costretti a:
1. dedicare un po’ di tempo alla lettura, all’isolamento e alla riflessione;
2. una pagina scritta è un punto di appoggio che vi donerà calma e pazienza;
3. vi libererà per un po’ da pensieri fastidiosi e ossessivi;
4. avvierà in voi un processo di rinnovamento.

Ricostruirsi

Correre per una vita da un luogo all’altro non è da eroi, ma da infantili. E’ proprio necessario riempirsi di così tanti impegni? Oh, certo, diventare sempre più ricchi, più importanti, con più potere… Peccato che ce ne siano in giro milioni che vogliono raggiungere gli stessi traguardi. Pochi ce la fanno.

Se vi sentiti sconfitti, la scrittura offre un porto sicuro. E’ come se vi parlaste, a cuore aperto.
“Riesci a cavartela, mandi avanti la tua famiglia, hai un amore che ti leghi a questo mondo?” Se rispondete affermativamente, siete già fortunati e scrivere rafforzerà il senso di benessere.

Non scrivete quindi, per diventare autori di successo. Sognare a occhi aperti fa bene, ma ogni tanto bisogna stare con i piedi per terra: difficilissimo guadagnarsi da vivere scrivendo.

Però il processo di costruire un libro, di cercare chi vi faccia l’editing, di pensare di pubblicarlo, di fare delle presentazioni, di regalarlo agli amici vi caricherà di energie sconosciute: proprio una cosa da fare almeno una volta nella vita.

Per saperne di più: Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Popol Vuh, il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone.

Letture consigliate, molto umoristiche:
Una cosa divertente che non farò mai più, David Foster Wallace, Minimum fax.
Vladimiro…un vampiro in cerca d’amore, Daniela Folco, casa editrice Ardea.



contatori visite per siti web gratis

Author: · Filed under: Uncategorized

Luogo delle mie brame…

image

“Specchio delle mie brame…” dice la perfida strega. Lo scrittore, invece, anela al luogo perfetto dove ambientare la sua storia e sussurra: “Luogo delle mie brame”.

Non ci sono regole speciali per costruire lo sfondo delle avventure dei personaggi. Dopo anni e anni di letture sono convinta di avere amato certi romanzi come il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, Cent’anni di solitudine di Marquez, i romanzi di Chiara e di Vitali proprio per le ambientazioni.

Il romanziere descrive ed ecco che il lettore è dentro un cerchio magico. Sta lì a guardare. S’aggira come uno spettro: tutto percepisce, ma nulla può fare.

Di questi non luoghi, inventati da altri, ci si può anche innamorare. Se non avessi letto Chiara, mai sarei andata a vivere sulle rive del Lago Maggiore.

Quindi, quando si pensa alla storia che si vuole scrivere, occorre immaginare un luogo e saperlo descrivere.
Non basta digitare: “Era una notte buia e tempestosa…”

Ce ne sono migliaia di notti buie e tempestose. Mi diverto a creare delle ambientazioni a seconda del genere letterario.

(Thriller) Era una notte buia e tempestosa. Kate scostò la tendina e vide luccicare una lama in fondo al giardino. O si trattava di un pezzo di vetro? Un’ombra scivolò accanto al garage. La finestra della cucina era aperta… si era dimenticata di chiuderla. Bastò infilare un braccio. Il pomolo della porta d’entrata scattò con un lieve cigolio.

(Romanzo rosa) Era una notte buia e tempestosa. Kate scostò la tendina e spinse lo sguardo lungo il vialetto. I cipressi si piegavano al vento. Quando sarebbe arrivato Michael, il suo amore? La mamma dormiva e lei gli sarebbe andata incontro senza far rumore. Sapeva bene che l’erba avrebbe smorzato il suono dei passi, oltre il cancello.

(Fantasy) Era una notte buia e tempestosa. Kateruscia, la piccola elfa dalle grandi orecchie a punta, scostò la tendina con le dita adunche. La valle degli Invincibili si stendeva fino alle acque limacciose del Lago Incantato. Sì, le fate Magnù sarebbero arrivate e l’avrebbero portata sulle ali fino al castello del principe Elderio.

(Fantascienza) Era una notte buia e tempestosa. Il comandante Kate Win guardò fuori dall’astronave: galassie, meteoriti vaganti, e molto lontano quella strana sfumatura rossa che si perdeva ai confini dell’universo da lei esplorato. Un buco nero di caligine.

(Romanzo storico) Era una notte buia e tempestosa. La regina Teodolinda scostò la tenda damascata per vedere se nel cortile del castello la sua dama di compagnia parlava con qualche scudiere. Non le piaceva che la ragazza, giovane e molto aggraziata, accettasse i complimenti dei nobili cavalieri. La regina detestava in particolare il principe Raniero e sapeva che la notte era il tempo dei convegni amorosi. Ormai, da quando le avevano rubato la preziosa collana di smeraldi, il buio acuiva l’angoscia.

Cosa si deduce da questi esempi banali?
1. Personaggi e ambiente sono un tutt’uno. Entrambi gli elementi servono a creare un mondo.
2. Più l’ambientazione è ben costruita, più la storia viene rafforzata.
3. Nel creare gli ambienti non è necessario strafare: bastano lievi cenni per dare origine all’atmosfera particolare che caratterizzerà la vostra storia.
4. Immaginare l’ambiente serve anche a farsi venire molte idee circa i personaggi e lo sviluppo della storia.

Tip, ovvero consiglio magico

Ormai tutti pubblicano e spesso amici, o semplici conoscenti mi regalano libri da loro scritti. Qualcuno risulta una piacevole lettura e qualcun altro proprio non mi piace.

Ne ricordo uno che era costituito da una lunga invettiva contro il marito e i parenti della scrittrice.
Dunque, l’ambientazione della storia era la casa dell’autrice. Figli e marito descritti come in una foto. In definitiva, si trattava di circa duecento pagine di insulti ai familiari, rei delle crudeltà più atroci.

Non trovo carino vendicarsi rispetto a eventuali torti subiti scrivendo un libro. Mai farsi spingere da sentimenti vendicativi. Immaginate, poi, l’imbarazzo del lettore-amico che si trova di fronte a un tale impianto accusatorio.

Noi, lettori, cerchiamo nelle storie il distacco. Non vogliamo certo essere coinvolti in beghe familiari. E a questo punto mi viene spontaneo consigliarvi di fare un passo indietro rispetto alla vostra quotidianità, quando scrivete. Se vi accorgete che avete bisogno di narrare di voi, scegliete di confidare i pensieri a un diario.

Senz’altro i personaggi inventati e gli ambienti costruiti con la fantasia parleranno di voi. Ma devono farlo in modo lieve, come per interposta persona.

Un buon narratore è quello che non pensa a sé, ma al suo pubblico. Quindi costruisce personaggi e mondi credibili.

Per saperne di più: Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Popol Vuh, il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone.



contatore

Author: · Filed under: Uncategorized

Una buona storia

image

Spesso mi arrivano mail di questo tipo: “Ho scritto uno schema del mio romanzo, ma mi sembra un po’ debole. Lei cosa ne pensa?”

Di certo so che se già l’autore ha dei dubbi, qualcosa non funziona. Quando una trama ci avvince e siamo sicuri sia quella giusta, al 99% abbiamo ragione di difenderla.

Qualche mese fa ho scritto in sintesi i punti salienti di un racconto strampalato per bambini. Non mi convinceva e non ha convinto nemmeno il direttore di collana che avrebbe dovuto pubblicarlo. Volevo inventare un testo con trame parallele, buffo e divertente. Risultato: non aveva presa, non convogliava emozioni e non era divertente.

Poi mi sono gettata nella scrittura di un racconto a sfondo natalizio. Il bello è che io detesto il Natale e tutta la paccottiglia annessa. Quindi si trattava proprio di una scelta infelice. Uno dei must, cioè degli obblighi per fare bene come scrittori, è non trattare argomenti con cui non ci si sente in sintonia.

Cosa mi ha salvata dal fallimento più totale? La verità ha dato alle mie frasi un’energia liberatoria. Si trattava di una verità costituita dalla sofferenza psicologica di un bambino maltrattato. Sintetizzo così: le feste si avvicinano, nella gioia generale spicca l’infelicità del protagonista, vittima di un compagno di classe.

Il contrasto felicità/dolore era vivo nel mio animo, un antico ricordo. Ed era un sentimento così potente da rendere “forti”, cariche di significato le parole scritte. Dal punto di vista emotivo la storia inventata stabiliva un ponte tra lettore e autore.

Le storie suono buone quando illuminano un lato oscuro della vita. Semplificando, potrei dire, se fanno riflettere.

Certo, non mi piacciono quelle scritte male, con un sacco di ripetizioni, frasi lunghe e contorte… Ma, più di tutto, non sopporto i romanzi vuoti. Quei romanzi autopubblicati, costruiti in base a cliché, talmente stupidi da far orrore.
No, no, le buone storie sono quelle che vengono dal profondo del cuore. Sono una testimonianza del nostro essere al mondo.

I post avranno cadenza settimanale: 1 alla settimana

Per saperne di più: Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone.

Letture consigliate: tutti i libri di Raymond Carver della casa editrice minimum fax; tutti i manuali di scrittura creativa pubblicati dalla casa editrice Dino Audino.



contatori web

Author: · Filed under: Uncategorized · Tags:

Salone del Libro Torino: è qui la festa!

image

In un precedente post ho indicato vari motivi per tenersi lontani dalle fiere del libro. Ma la realtà non ha un solo volto. Andare al Salone Internazionale del Libro di Torino e a eventi similari può essere anche gratificante.

Tip, ovvero consigli magici

Prima di tutto elenco i momenti che potete sfruttare al meglio.

Se abitate a Torino o dintorni, è inutile visitare il Salone di mattina e pomeriggio. Andateci dopo cena, quando c’è meno folla e camminerete senza venire investiti.

Arrivare nei padiglioni della fiera senza avere progettato la vostra visita è un grave errore: perderete un sacco di tempo nel tentativo di scegliere cosa seguire. Invece, dovete ispirarvi a una precisa tabella di marcia: visita allo stand tal dei tali, padiglione numero…; ascolto conferenza di… nella sala…; laboratorio… nel padiglione…

Vi do queste indicazioni perché voler vedere tutti gli stand in una sola giornata vi ridurrà a barcollare istupiditi, con i piedi gonfi come meloni.

Capito il segreto? Tutto deve essere predisposto prima, perché entrare in fiera è come fare un tuffo in un frullatore.

Il frastuono, l’aria viziata, i visitatori che vi girano intorno… vi renderanno uno straccio nel giro di mezz’ora.

Come difendersi? Credo che la volontà di rendere questa esperienza memorabile sia un punto fermo. Dovete dirvi: “Sono qui, dove è la festa, e faccio parte della gioia generale”.

Davvero straordinario. Nonostante le difficoltà, al Salone si sente una forte energia positiva ovunque. Come se i tanti libri esposti inviassero un forte messaggio di speranza. Sì, sì, si legge ancora, si discute, ci si confronta e si continua a sperare.

Le conferenze nelle varie sale: rossa, gialla, azzurra, blu… sono da considerarsi come un’ancora di salvezza.

In quella blu ho rischiato una polmonite fulminante, tanto fredda si diffondeva l’aria condizionata. Ma ero stata previdente: nella borsa avevo una giacca.

Intervallare una conferenza tra la visita a uno stand e l’altro permette di rinfrancarsi. Tra quelle seguite, ricordo in particolare quella dello psichiatra Vittorino Andreoli.

Vero, i libri ci danno tanto, ma quando è possibile incontrare l’autore l’esperienza risulta davvero interessante.

Ho un orecchio particolare per le voci. Ne riconosco il timbro e le caratteristiche peculiari. Non le dimentico. Quella di Andreoli, quasi infantile e dolce, mi ha accompagnato in profonde riflessioni. Condividere con l’illustre psichiatra la certezza della nostra fragilità mi ha dato una forza inaspettata.

Nei falsi rapporti sociali, teatrino a cui siamo costretti, si tenta di mostrarsi forti e invincibili. Ma siamo deboli e abbiamo paura. Riconoscerlo, poterlo ammettere assieme a un altro, offre un grande aiuto per continuare a testa alta il nostro cammino. Così il legame tra scrittore e lettore si rinsalda nella consapevolezza di una fragilità condivisa. Allora, di fronte a questa profonda esperienza, non si può fare a meno di pensare: “Sì, la festa della vita con tutte le sue meraviglie è proprio qui. Continuerò a partecipare al Salone del Libro, costi quel che costi”.

Per saperne di più: Il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone.



contatore dati internet

Author: · Filed under: Uncategorized

Avere successo con una buona trama 2

image

Tra le cose spiacevoli che possono capitare può anche succedere che qualcuno entri nell’account mail e inizi a inviare a tutti i contatti una richiesta di denaro perché si è privi di denaro, in Inghilterra… Ecc. ecc. Una vera truffa!

Ecco mi è successo e sto arginando i guai. Questa la nuova mail: danihawksheepeagle@libero.it

Comunque, non mi perdo d’animo e riprendo il discorso sulla trama.

Tip, ovvero consiglio magico

Sono fondamentali in una trama gli intrecci che si riescono a costruire con i personaggi.

Ripensiamo ai filoni narrativi di Mistero a Roma.

a amore contrastato (Giusi Rosso ama, non ripagata, Lucio Silvi);
b guai in vista per Mark Staub (problemi con la segretaria, Elisa Bondi, e con una banda di ladri);
C furto di opere d’arte (una preziosa statua viene rubata, ma è merce che scotta, tema affrontato in varie scene);
d elemento con funzione da antagonista, il professor Francesco Peltri affronta più volte Mark Staub (una buona trama è sempre molto movimentata, ricca di imprevisti);
e incidente, un altro elemento in funzione di antagonista (un muro romano crolla addosso a Giusi Rosso);
f un personaggio ambiguo, il mercante d’arte Dino Aussone acuisce il senso di mistero (a ogni nuovo personaggio corrisponde una nuova ambientazione, variare le scene è un’ottima strategia narrativa);
g un innocente viene dichiarato colpevole (tecnica che permette allo scrittore molti sviluppi narrativi);
h personaggi che funzionano come un coro greco: gli studenti del professor Peltri;
i l’immancabile commissario di Polizia, Felisi (ha una funzione di contrasto nei confronti dell’investigatore Silvi. Trucco strausato. Basta pensare a Chandler, Simenon, Camilleri… Ma che funziona sempre).

Cosa se ne deduce? Che un bravo scrittore non spreca un solo dettaglio, tutto serve per potenziare la storia.

Il romanziere narra un universo di sentimenti che cambiano come si modifica l’esistenza dei singoli personaggi. Ognuno di loro impara qualcosa, raggiunge un traguardo o risulta sconfitto.

Quando rileggete i vostri romanzi, verificate se i personaggi sono “cresciuti”, hanno guadagnato o perso qualcosa.

Le storie orrende sono quelle con personaggi falsi che vegetano sulla pagina, in perenne movimento tra letti e scazzottate.

Leggete e ancora leggete per raggiungere una visione profonda della vita.

Author: · Filed under: Uncategorized · Tags: , , ,

Come aver successo con una buona trama

image

Sono contenta, anzi stramaledettamente felice. A uno scrittore non capita spesso pubblicare un libro a febbraio e sapere che è esaurito ad Aprile. E succede anche di rado che lo veda tra i primi dieci della classifica Amazon. Dunque, fate attenzione, si tratta di un testo particolare. La classifica cui mi riferisco è quella dei Language Readers.

Sono romanzi in un italiano semplificato che aiutano a imparare la nostra lingua. Ormai sono parecchie le case editrici che li pubblicano, ma la mia, la Cideb-De Agostini, produce dei veri gioiellini sia dal punto di vista dei contenuti che da quello grafico. Subito mi viene in mente un consiglio.

Tip, ovvero consiglio magico

Se volete uscire dalla palude degli autori in cerca di successo, dovete cercare una nicchia di mercato. L’ennesimo romanzo rosa, fantasy, giallo, di avventura… che ricalca storie famose non farà di voi uno scrittore noto. No, la vostra opera non riuscirà a emergere tra diecimila simili.

Anche senza consultare trattati di marketing è evidente che bisogna offrire al mercato quello che cerca. Quando ho iniziato a scrivere da professionista, c’erano due filoni da sfruttare: la scrittura creativa e l’insegnamento dell’italiano a stranieri. Ho trovato con facilità degli editori.

Per offrire alle case editrici dei prodotti validi mi sono documentata: centinaia di manuali mi hanno tenuto compagnia per anni. Ho imparato in particolare che chi riesce a impostare una trama efficace ha già in mano la vittoria.

Ritorno, dunque, al libro che mi rende contenta, Mistero a Roma, e cerco di darvi una mano. Non so se il film La grande bellezza di Sorrentino abbia avuto un effetto trascinante. Certo, ambientare una storia a Roma è un atout. Ma credo che la trama abbia giocato un ruolo importante.

Allora, perché possiate rendervi conto delle strategie narrative che ho usato riporto nel post la sintesi che ho inviato alla redattrice prima di mettermi a scrivere.

Sottolineo, comunque, alcune linee guida per una trama efficace.
Occorre fornire con precisione i seguenti elementi:
- personaggi
- ambientazione
- inizio della storia, ovvero l’incipit
- lo sviluppo, i punti culminanti, il finale
- le scene, i punti di svolta.
- dividere il testo in capitoli e in scene.

Ecco, dunque, la trama di Mistero a Roma.

Mistero a Roma
Daniela Folco

Personaggi:
1 Mark Staub, direttore di un museo americano.
2 Elisa, sua segretaria.
3 Fausto Giovannelli, traffica in reperti archeologici.
4 Lucio Silvi, investigatore privato.
5 Giusi Rosso, segretaria di Lucio Silvi.
6 Dino Aussone, mercante.
7,8,9,10 studenti universitari.
11 Francesco Peltri, archeologo, professore universitario.
12 Commissario e agenti di polizia.

Capitolo 1

Prima scena
Esterno. Di notte, in una zona della Via Appia.

Alcuni uomini scavalcano un recinto ed entrano in una tomba romana. La saccheggiano. Sotto la luna brilla la statuetta d’oro del dio Apollo…

Seconda scena
Interno. Ufficio dell’investigatore Lucio Silvi.

Il giorno seguente, mattino. In un ufficio sgangherato, con mobili che cadono a pezzi… l’investigatore Lucio Silvi beve un caffè e scambia qualche parola con la segretaria, Giusi Rosso. L’attenzione del detective è attirata da una notizia sul giornale: ancora un furto di opere d’arte!

Terza scena
Interno. Elegante ristorante di via Condotti.

Mark Straub, direttore di un famoso museo americano, scuote la testa. Informa il suo interlocutore, Fausto Giovannelli, che non acquisterà più reperti archeologici: è troppo pericoloso! Inoltre, dichiara che se la polizia lo interrogherà rivelerà i nomi di chi gli ha venduto in passato preziosi oggetti di incerta provenienza. Proteste e minacce dell’altro.

Capitolo 2

Prima scena
Esterno. Trinità dei Monti, lungo la scalinata.

Mark Straub viene raggiunto dalla sua assistente Elisa e da alcuni giornalisti che vogliono un suo commento sui recenti furti. Il direttore del museo e la segretaria scappano salendo la scalinata di Trinità dei Monti. Finalmente al sicuro, i due si riposano e ammirano il panorama di Roma che si stende dinanzi a loro. Elisa ne approfitta per chiedergli un aumento. Il direttore rifiuta. Ha dei problemi finanziari e non può soddisfare la sua richiesta. In fin dei conti le ha già procurato un’ottima liquidazione intestandole un’assicurazione sulla vita: alla sua morte riceverà 600.000 dollari! Lei lo minaccia: se non ottiene quello che vuole, si licenzierà e lo lascerà in un mare di guai…
La donna smette di protestare perché Straub viene affrontato dal famoso archeologo e professore universitario Francesco Peltri, che lo accusa di aver trafugato dall’Italia preziosi reperti e di aver commissionato l’ultimo furto, la preziosa statuetta di Apollo. Ne nasce una lite in cui Mark Straub dichiara che rivelerà a tutti da dove il docente ha copiato gli articoli che lo hanno reso famoso.

Seconda scena
Interno. In un lussuoso albergo, stanza con vista sul Colosseo.

Mark Straub si slaccia il colletto della camicia, il caldo inizia a farsi sentire a Roma. Dalla finestra il direttore del museo ammira il Colosseo.
Intanto qualcuno infila una busta sotto la porta della camera. Contiene un biglietto minaccioso: “Bada a cosa fai! O morirai!”
Il direttore del museo non si lascia impressionare. Telefona a Lucio Silvi, un vecchio amico e noto investigatore privato. Si danno appuntamento in Piazza Navona.

Terza scena
Esterno. In un bar di Piazza Navona.

Il direttore del museo e Lucio Silvi discutono animatamente. L’investigatore è convinto che l’altro corra un serio pericolo. Arriva la segretaria dell’investigatore, Giusi Russo. Ancora si parla dei furti delle opere d’arte e ci si interroga sul misterioso mittente del biglietto.

Capitolo 4

Prima scena
Esterno. In visita ai Fori Imperiali.

L’investigatore e la sua segretaria accompagnano il direttore del museo in una passeggiata lungo i Fori Imperiali. Il direttore ammira il paesaggio con i resti degli antichi edifici, le colonne di marmo… incontra la sua segretaria, Elisa, con cui si riappacifica.
Qualcuno, da lontano, li spia e progetta di eliminare una figura scomoda…

Seconda scena
Esterno. Fori Imperiali.

Il celebre professore Francesco Peltri sta rispondendo alle domande di alcuni studenti universitari. Notando il direttore del museo Mark Staub, lo indica agli allievi come il più noto dei ladri internazionali in circolazione. I due quasi vengono alle mani ma intervengono a separarli Lucio Silvi, Elisa e Giusi Russo.

Terza scena
Esterno. Fori Imperiali.

Mark Staub si allontana in preda all’ira, seguito dalla sua segretaria e da Giusi Russo. L’investigatore si ferma a parlare con il professore e i suoi allievi.
Da lontano si sente un grido. Lui si volta e vede la sua segretaria sotto le macerie, il direttore del museo a terra ed Elisa in piedi, sotto shock.

Capitolo 5
Scena prima
Interno. Commissariato di polizia.

Lucio Silvi a colloquio con il commissario. I due decidono che non si è trattato di un incidente ma di tentato omicidio. Chi, comunque, era il bersaglio fra Mark Staub, Elisa e Giusi Rosso? E chi il misterioso attentatore?

Seconda scena
Interno. In Ospedale.

Il giorno seguente. Lucio Silvi stringe la mano della sua segretaria e tenta di farle coraggio: la gamba e la spalla fratturate guariranno nel giro di qualche mese. Nel frattempo lui cercherà di cavarsela da solo. Sente che lei gli mancherà…

Terza scena
Interno ed esterno. In una lussuosa villa. Di sera.

Il mercante d’arte, Dino Aussone, ha invitato i più noti archeologi, galleristi, professori universitari a un ricevimento per festeggiare l’inaugurazione della sua galleria d’arte. Tutti parlano dei recenti furti.
Il padrone di casa sul terrazzo, lontano da occhi indiscreti, confida a Mark Staub di avere una statua eccezionale da vendere. Il direttore del museo gli risponde che lui acquisterà solo opere con una provenienza certa. Il mercante si allontana maledicendolo: i patti devono essere rispettati! Non ha mai fatto lo schizzinoso prima…
La segretaria Elisa confessa a un altro invitato che anche lei eliminerebbe volentieri Mark Staub dalla faccia della terra.

Capitolo 6

Prima scena
Interno. Nelle sale della villa.

Studenti e studentesse universitari si divertono alla festa. Qualcuno sente le maledizioni rivolte dal mercante al direttore del museo e a qualcun altro non sfuggono i commenti della segretaria. “Mark Staub è davvero una persona con molti nemici” riflettono i ragazzi, mentre il loro professore, Francesco Peltri, sembra piuttosto angosciato. Risponde in modo sgarbato a chi fa delle domande sui suoi recenti studi. Poi con una scusa si allontana.

Seconda scena
Interno. In una sala della villa.

Squilla il telefono di Mark Staub. Qualcuno lo invita a raggiungerlo nel parco… Ombre furtive si aggirano attorno alla fontana con la statua di Venere al centro… L’investigatore Lucio Silvi ha un presentimento vedendo Mark Staub scendere i gradini che portano al parco. Corre, ode uno sparo e giunge troppo tardi!

Terza scena
Esterno. Nel parco della villa.

La polizia scientifica è alle prese con un cadavere. Il direttore del museo è stato assassinato. Un proiettile ha centrato il cuore.

Capitolo 7

Prima scena
Interno. In una sala della villa.

Viene arrestata Elisa, la segretaria di Mark Staub: accanto al cadavere è stato trovato un suo orecchino. La pistola è stata gettata nella fontana. Il detective Lucio Silvi, che si oppone all’arresto, viene invitato alla stazione di polizia.

Seconda scena
Interno. Al commissariato.

Il giorno seguente il detective Lucio Silvi cerca di convincere il commissario che Elisa non è l’assassina. Ma quest’ultimo ribatte che ci sono prove evidenti e un valido movente: i 600.000 dollari dell’assicurazione.

Terza scena
Interno. Al commissariato.

Elisa piange e si dispera. Spiega che deve aver perso l’orecchino quando è scesa in giardino. Non sa nulla della pistola. Implora il detective di aiutarla. Viene messa a confronto con gli studenti, che riferiscono le sue minacce nei confronti di Mark Staub.

Capitolo 8
Esterno. Lungo la Via Appia.

Prima scena
Qualche giorno dopo. Tutti in gita sulla via Appia. Studenti universitari, famoso professore, Dino Aussone, mercante d’arte.
L’investigatore Lucio Silvi cerca informazioni da ognuno e dichiara che ha raccolto degli ottimi indizi, che tiene al sicuro nel suo ufficio. “Gli manca solo una prova per inchiodare l’omicida…” dichiara e attende che l’esca abbia effetto.

Seconda scena
Esterno. Lungo la Via Appia.

Incontro tra il mercante d’arte Dino Aussone e Fausto Giovannelli: “Meglio agire con cautela per il momento, anche se sarebbe meglio sbarazzarsi di merce che scotta…” decidono i due.

Terza scena
Esterno. Lungo la Via Appia.

Incontro tra Dino Aussone e il professor Peltri, che rifiuta di comprare opere di dubbia provenienza. Il mercante gli augura di fare la stessa fine di Mark Staub.

Capitolo 8

Prima scena
Interno. Ufficio dell’investigatore Lucio Silvi.

L’ufficio è stato messo a soqquadro. Schedari a terra, scrivania capovolta, armadio sfondato. Ignoti hanno frugato persino in bagno. L’investigatore si dispera: come farà a risistemare tutto quanto senza l’aiuto della segretaria? Solo allora si accorge di come lei gli è indispensabile.

Seconda scena
Interno. In ospedale.

Lucio Silvi va a trovare la sua segretaria. Le riferisce l’incidente e la mette al corrente delle sue indagini. Giusi Russo ricorda di aver raccolto da terra una strana spilla, un attimo prima di essere stata investita dal crollo del muro. La consegna a Silvi, che ora ha una valida pista per catturare l’assassino.

Terza scena
Interno. In un’aula.

Francesco Peltri e gli studenti discutono dei prossimi esami.
L’investigatore incontra il professore per scoprire se ha un alibi per la notte dell’omicidio. Glielo forniscono gli studenti che dichiarano di essere stati in sua compagnia e di averlo poi accompagnato a casa. Però l’investigatore percepisce molta reticenza… e un tono di minaccia nella voce del professore.

Capitolo 9

Prima scena

Il giorno seguente. Interno. Galleria d’arte nei pressi della Fontana di Trevi.
L’investigatore va a trovare Dino Aussone. Il mercante d’arte commette un errore: non spegne il computer e lascia la sala. L’investigatore prende nota del nome del mittente di una mail compromettente…

Seconda scena
Interno. Ufficio dell’investigatore.

Il commissario incontra l’investigatore. La polizia brancola nel buio: non gli rimane che sondare cosa ha scoperto il più bravo detectve di Roma. I due si scambiano informazioni. “Questa spilla rivela chi è l’omicida, ma qualcuno gli fornisce un alibi di ferro” dichiara Lucio Silvi al poliziotto. Quindi gli parla del mercante d’arte e dei suoi complici, i ladri degli antichi reperti.

Terza scena
Interno. Al commissariato.

Il professor Peltri , messo alle strette, confessa. Quella spilla speciale, che l’ordine degli archeologi dona ai più illustri studiosi, prova che è stato lui a tentare di uccidere Mark Staub ai Fori Imperiali. E a quel tentativo andato a vuoto ne è seguito un altro nel parco della villa di Dino Aussone. Riuscito, stavolta. “Lo aveva minacciato di rovinargli la carriera, disonorarlo, e lui non poteva certo permetterlo…”. Il professore ammette anche di essere stato lui a mettere sottosopra l’ufficio di Silvi. Sapeva che la spilla l’avrebbe tradito. L’aveva cercata ovunque, ma non avrebbe mai immaginato di averla persa ai Fori Imperiali! Quanto al biglietto di minacce, era stato facilissimo farlo scivolare sotto la porta della stanza di Mark Staub. Un gesto inutile perché ormai il direttore del museo era intenzionato a tradirlo… bisognava chiudergli la bocca per sempre!

Capitolo 10

Prima scena
Interno. In una sala del municipio.

L’investigatore Lucio Silvi riceve durante una cerimonia ufficiale una medaglia e un assegno cospicuo perché è riuscito a far recuperare numerose opere d’arte. Accanto a lui, sorridente, Giusi Russo.

Seconda scena

Interno. Nuovo ufficio dell’investigatore.
Lucio Silvi siede su una poltrona di vera pelle. Il pavimento è di marmo e le librerie alle sue spalle sono di mogano. L’addetta alle pubbliche relazioni, Giusi Russo, si affaccia alla porta. Lui le corre incontro e l’abbraccia. “Allora hai deciso la data?” le chiede…

Terza scena
Esterno. Nel parco di un rinomato ristorante. Buffet di matrimonio.

Studenti universitari fanno ressa attorno ai tavoli imbanditi. Commenti sulle specialità offerte agli ospiti. Intanto Lucio Silvi e la moglie Giusi Russo tagliano la torta nuziale fra gli applausi dei presenti. Qualcuno mormora che, grazie a loro, il furto delle opere d’arte è stato interrotto.
I due si sorridono felici e guardano l’antica Via Appia che si snoda fra il verde. La campagna romana risplende in tutta la sua dolcezza.

Per saperne di più: Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Il libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone; Mistero a Roma, Daniela Folco, Cideb-De Agostini.



contatore accessi

Author: · Filed under: Uncategorized

Finalmente anch’io sono una raccomandata!

La mia micia vi consiglia un’esperienza interessante: acquistare due videoebook. È un modo straordinario di vivere l’ebook.

Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco. (Li trovate su www.autostima.net)

image

Author: · Filed under: Uncategorized · Tags:

Auguri! auguri! auguri!

Buona Pasqua e tanta voglia di leggere e scrivere!

image

Author: · Filed under: Uncategorized

Come guadagnare scrivendo racconti

image

I dati sulla lettura in Italia sono preoccupanti: registrano un calo spaventoso. Io stessa leggo meno. Facebook, la promozione in rete dei miei libri, la scrittura di nuovi testi mi portano via molto tempo.

C’è anche un fattore nuovo. Più vengo bombardata dalla pubblicità che vorrebbe costringermi ad acquistare l’ultimo thriller, la straordinaria saga fantasy, l’incredibile romanzo rosa… più provo un senso di nausea. C’è una folla di autori alla mia porta. Mi puntello contro e non rispondo a nessuno.

Grave crisi, eppure qualche editore non vuole accorgersene. L’immagine dello struzzo con la testa nella sabbia calza a pennello. Da anni ho l’impressione che il digitale contribuisca al cambiamento.

Al Salone del Libro di Torino non mi sono mai lasciata sfuggire i laboratori per bambini. Quando ho visto mamme entusiaste perché a cinque anni i figli imparavano a leggere e contare con i tablet, ho capito che era in atto una rivoluzione.

Tutte le illustrazioni dei libri cartacei, per quanto raffinate, non potevano e non possono competere con i nuovi mezzi.

Ho fatto progetti di libri digitali per parecchi editori. La risposta è sempre stata negativa. “No, si vendono poco… è un mercato di nicchia” ripetevano.

Bene, quello che ho cercato di realizzare ora è diventato una realtà, grazie alla Rizzoli. La casa editrice parte con trenta fiabe classiche realizzate in un modo straordinario: possibilità di ascoltare il testo recitato da attori, altri effetti e possibilità di interagire con l’ebook. Il tutto per tablet e smartphone.

Perché vi racconto tutto questo?
Perché per voi, scrittori in erba, si sta aprendo un nuovo mondo. Se puntate sul digitale, potrete davvero diventare dei professionisti.

Tip, ovvero consiglio magico
Per avere successo, un’unica condizione. Oltre al talento, è necessario che abbiate in mano il mestiere. Ciò si raggiunge solo imparando a scrivere. Quindi, no a storie che sono solo miseri riassunti. No ad ambientazioni che non trasmettono emozioni. No a personaggi da operetta. No a uno stile ottocentesco, una principale e cinque subordinate.

Ci sono tante scuole di scrittura creativa. Le migliori sono costose. Potete affidarvi a un corso on-line (anch’io ne tengo uno, basta scrivermi: danihawksheepeagle@Libero.it) o potete leggere dei manuali di scrittura creativa.

L’ebook Scrivere Storie Brevi vi permetterà di imparare a impostare e sviluppare la vostra storia. Si tratta di un corso completo, ricco di tanti consigli e informazioni utili.

Non lasciate decidere al destino. Se vi piace scrivere, è giunto il momento di tentare la sorte. Auguri! E Buona Pasqua.

Per saperne di più: Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone (li trovate su Amazon).

Ps. Invio un messaggio a una cara lettrice. Cara Laura Tentolini, ti ringrazio per gli auguri che contraccambio di cuore. Anche se non ci mandiamo messaggi, ti sento molto vicina. Grazie.

title=”contatori”>contatori


contatore

..

Author: · Filed under: Uncategorized · Tags: ,

Trucchi per scrivere un libro

image

Ogni volta che inizio un nuovo corso di scrittura creativa, qualcuno mi confessa che ha tante idee, inizia a scrivere e poi si blocca.

Tip, ovvero consiglio magico

A chi è agli inizi consiglio di farsi condurre da un libro. Non si tratta di copiare un testo, ma di scegliere una guida.

Lavoro soprattutto nel campo dei libri per ragazzi e c’è stato un momento in cui ne dovevo scrivere cinque in un breve lasso di tempo. Ero molto stanca, avevo iniziato una storia di mostri e mi ero impantanata.

Un libro di un’autrice inglese mi è venuto in aiuto. Aveva una protagonista pestifera, proprio quello di cui avevo bisogno. Infatti, da ragazzina e per il resto della vita sono rimasta una persona con una spiccata propensione a essere tale. Conservo da qualche parte questo atteggiamento infantile tanto utile a un narratore.

I bambini non amano protagonisti leziosi, tutto casa e scuola, e che dicono sempre sì. No, i loro eroi sono i ribelli alla Gian Burrasca. E quindi anche la mia protagonista assunse quelle caratteristiche.

La bambina dell’autrice inglese aveva uno scopo: non far vendere alla zia la sua antica dimora. Mi chiesi quale obiettivo potesse avere la mia Ermi. Facilissimo: lei avrebbe impedito al padre di demolire il loro albergo. Abito in Liguria e la preservazione della bellezza è un tema fondamentale. La speculazione edilizia ha provocato catastrofi.

Dunque, avevo trovato la protagonista, il fratello, la madre, il padre, i nonni, un maggiordomo bizzarro e una serie di personaggi minori. Mentre strutturavo la trama, tenevo presente lo schema del libro inglese. Lì c’erano degli zii, due fantasmi, una vecchia armatura arrugginita, altre figure.

Al posto dei fantasmi, ho scelto degli extraterrestri. Dei veri mostri, ma bonaccioni.

Il quadro era preciso. Avevo i personaggi e l’ambientazione. Poi ho controllato quante scene c’erano nella mia fonte d’ispirazione e ne ho ricavate altrettante, più o meno della stessa lunghezza. Ho segnato quanti dialoghi interrompevano l’azione. Ma sono stata molto attenta a non inventare nulla di simile. C’era solo un punto in comune: come la bambina pestifera vedeva il mondo. Ed era quello che mi era piaciuto in Casa sotto spirito di Angie Sage. Entrata nello spirito del personaggio, mi è risultato facile finire il romanzo.

Se siete a corto di idee, credo sia un buon metodo. Però non dovete copiare la struttura di sana pianta.
1. non bisogna usare gli stessi personaggi;
2. non bisogna copiare le ambientazioni;
3 non bisogna copiare le scene;
4 non bisogna ripetere i dialoghi;
5 non bisogna dare le stesse motivazioni ai personaggi.

In effetti, potete solo trarre ispirazione da un collega romanziere.

Nulla si percepisce di più della freschezza di una storia, una storia tutta vostra, incantevole come un nuovo mattino.

Per saperne di più: Scrivere un Giallo, Daniela Folco, Bruno Editore; Scrivere Storie Brevi, Daniela Folco, Bruno Editore; Il Libro Sacro dei Maya Quiché, Daniela Folco, Edizioni Simone.

Lettura consigliata: L’albergo dei mostri, Daniela Folco, casa editrice Ardea.

Author: · Filed under: Uncategorized · Tags: , ,